Benefici e vicissitudini di un farmaco alternativo

Davide Franco

Mi chiamo Davide Franco e sono nato a Bordighera il 3 aprile 1977. Sono nato affetto da glaucoma congenito, resosi manifesto all’età di due mesi e mezzo. A quella tenera età ho eseguito il primo intervento per l’abbassamento della pressione intraoculare, ma senza ottenere risultati. Mi hanno messo sotto anestesia con il tono (pressione interna del bulbo oculare) a 35 e mi hanno tirato fuori dall’anestesia con il tono a 16, dopo poche pochissime ore, però, il tono era nuovamente a 35.

Cos’è il glaucoma? Si tratta di una malattia a carattere degenerativo: si nasce con i canaletti di scolo dell’umor vitreo non completamente sviluppati e così si impedisce all’umor acueo di scorrere e nel tempo, la forte pressione oculare divorerà il nervo ottico, ciò che permette di vedere. Per l’ostinazione di mia madre e non per quella dei medici, dopo il primo intervento, nell’arco di 14 anni ne ho subiti circa altri 13 uguali. Arrivato a undici anni ho subito un trapianto di cornea all’occhio destro, ma anche quello non è servito a nulla. Mi sono curato con farmaci chimici: Diamox 500, compresse diuretiche che abbassano il tono e purtroppo hanno moltissime controindicazioni come il mal di testa, l’impotenza, le vertigini e la sensazione, per me la peggiore, di sentire energia elettrica che scorre dentro il corpo e mi fa sentire spastico. Mi vedo i piedi storti e perdo l’equilibrio. Come colliri ho usato Iso Glaucom, Propine, Colbiocin, Timoptol e Xalacom. Questi colliri hanno le stesse controindicazioni del Diamox. Associo a queste “droghe” Polase in bustine e un integratore alimentare che si chiama Kronek.

Le medicine per il glaucoma sono molto dannose e su di me in maniera particolare. Di base, la quasi completa cecità è già una causa di disagio, poi, se unita alle conseguenze delle medicine lascio immaginare.

Da giovane mi ero diplomato come centralinista telefonico, sono andato a lavorare, ma a causa del male eccessivo agli occhi e per la grande distanza da casa ho dovuto abbandonare. Le medicine mi fanno perdere concentrazione e la memoria.

Alle scuole medie dimenticavo sempre ciò che studiavo e mi prendevo i rimproveri dai professori perché sostenevano che sono estremamente intelligente e quindi non capivano: studiavo la lezione e poi la dimenticavo. Nessuno però leggeva le controindicazioni delle pastiglie che ingoiavo o dei colliri che mi somministravano e all’epoca erano moltissimi: circa 4 volte al dì facevo la terapia compresa con Isoglaucom 0,125, Propine 050 e quando avevo eccessivamente male mi davano l’Antidrasi, il Diamox per bimbi.
Così, per curarmi, soffrivo appresso alla malattia e all’epoca non mi rendevo conto di patire gli effetti secondari delle medicine. Oggi però ne sono cosciente.

A causa di questo stato di cose non sono riuscito a frequentare il liceo e ad impormi con la mia famiglia per fare il conservatorio. Sono un musicista, suono chitarra, ma amo la tastiera, l’organo jazz e amo il rock. Sono un compositore e quindi volevo fare musica e suonare. Al mio posto l’ha fatto Bocelli. Chissà lui come si cura?
Un giorno sono stato in vacanza ad Amsterdam e lì, per la prima volta, ho provato le mie future medicine. Ho fumato marijuana in uno spinello e il risultato è stato allucinante: il male agli occhi mi ha detto “Ciao ciao, finito, niente male!” La cosa più assurda è che quel poco che vedevo aumentò di colpo. Così ho iniziato a farmi le canne per stare bene, non avevo più crisi di nervi, non soffrivo più di male agli occhi e non avevo né vertigini né impotenza. Ho capito che l’erba è una medicina e non una droga. In tisana l’effetto è superbo, ma io preferisco fumarla perché l’effetto è immediato.

Al mattino mi alzo dal letto e faccio colazione. Nel frattempo però gli occhi lacrimano, mi fanno malissimo, la luce è una tragedia e il naso mi gocciola. Ho bisogno di qualcosa per stare meglio nell’immediato: è un corsa contro il male e contro il tempo. Quindi corro, faccio colazione, vado al tavolino accendo il computer e rollo il joint. Una volta fatti i primi 4 tiri la ganja inizia il suo buonissimo mestiere: gli occhi si rilassano, la mente annebbiata si solleva, il sorriso nonostante un’altra giornata di prigionia in casa torna.La tisana ha un effetto più lento.

Il fumo che trovi al mercato nero invece è mischiato sempre con delle schifezze e quindi non abbassa il tono come vorrei, ma almeno mi calma, impedendo al glaucoma di avere il sopravvento e di farmi fare la stupidata di ingoiare medicine. Questa mattina, ad esempio, avevo messo il collirio e ciò mi fa arrabbiare. Con me ho un poco di marocchino ma che ci devo fare? Fa schifo ed è pieno di paraffina, ma io lo fumo per non impazzire. Il glaucoma mi da la pazzia e crisi di rabbia, fortunato chi ha gli occhi sani. Tutte le malattie sono brutte, ma essere con un handicap è peggio. Vieni additato dalla società, scartato per le scelte che fai. Mia madre, ad esempio, mi ha voltato le spalle per come ho scelto di curarmi, per fortuna mi appoggiano mia moglie ed i miei due figli. Mia madre si fida dei dottori e dei loro ferruzzi con le loro droghe maledette. Mi spiace molto che la canapa sia criminalizzata, mentre in giro si possono trovare droghe da far rizzare i capelli in testa. Io sostengo la cannabis terapeutica e sarei disposto a mettermi contro il mondo.

Oggi come oggi, uso quello che trovo, cioè i colliri e quando qualcuno me ne porta un pochino, fumo cannabis. Il problema è che sul mercato nero si trova solo il fumo, io ne uso circa 2 grammi al giorno, ma quello mi calma solo i nervi, non è come la ganja di buona qualità. L’erba me la fanno pagare carissima, 12 o 15 euro a grammo. Spesso ti imbrogliano dandotela bagnata [NDR in maniera che pesi di più, al momento dell’acquisto]. Qualche tempo fa con 300 euro me ne hanno data solo 18 grammi. Il fumo costa meno, quando ne prendi un pò di più lo paghi meno, circa dai 3 ai 4 euro a grammo ma ripeto, fa schifo. Mi sono rivolto ad associazioni per avere aiuto. Ma nel mio caso chi fa per se fa per tre, in più la cosa che sono non vedente li frena. E’ importante è che quelli del PIC [Pazienti Impazienti per la canapa] o Luca Coscioni o chi so io abbiano la cannabis e che si tengano tutto per loro. Mi hanno mandato da oculisti a fare figure poco degne e a farmi sbattere fuori dagli studi medici. Non la condividono e questo mi addolora ogni giorno. Di base, ho molto dolore, fino a scoppiare, come adesso mentre scrivo: la gente non sa cosa si vive ogni giorno a sacrificarsi chiusi dentro casa perché la luce da fastidio.

E’ difficile non sapere a chi rivolgersi per la cannabis terapeutica. Mi farebbe piacere denunciare lo Stato per avere le medicine che mi spettano di diritto e dire addio agli spacciatori. Ho chiesto mille volte aiuto ma non si sa.

A Genova sono stato sbattuto fuori dagli studi oculistici, dove mi hanno detto che se voglio fumare nei vicoli ne vendono tanto. Ho fatto una visita a Palermo e mi hanno consigliato di coltivarmela, che scoperta dell’America! Se avessi lo spazio aspettavo a loro? Sono andato anche da altri oculisti, ma nulla da fare, perché dicono la marijuana non va bene e che me lo invento perché mi piace sballarmi.

Sballarsi è bello ma che c’entra? Ho smesso di fumare mille volte perché pensavo di essere uno scemo, poi un amico mi ha letto un libro che parlava di cannabis terapeutica e lì ho letto che faceva bene ai malati di glaucoma e non solo, ho saputo che faceva bene anche ai malati di sclerosi multipla e epilessia.
Che aggiungere? Mi viene difficile andare dagli spacciatori e mi da fastidio. Vorrei poter almeno comprarmi dell’erba a prezzi buoni, ma nemmeno questo è possibile. Per un periodo sono andato in Olanda a comprarmela, poi con l’arrivo della famiglia moglie figli, avendo meno denaro, mi sono dovuto adeguare. Un tempo andavo anche in Svizzera a rifornirmi. Nei canapai. L’ultima volta che ci sono stato, nel 2006, a Lugano i canapai erano chiusi e adesso non ho idea di cosa fare.

  • Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

2 comments

  1. sergio /

    epatite cronica diabete 2 ischemie e ovviamente depressione non posso prendere antidrepessive x il fegato fumo 20 di maria a settimana……..Ho avuto 2 perquisizioni, non spaccio pago questi pezzi di merda x farmi perquisire la casa e tu ti preoccupi che vieni sbattuto fuori dagli studi medici.A me fra un poco mi arrestano senza avere mai venduto uno spinello…….vivo con 10 gr al giorno che costantemente porto con me si romperanno i coglioni prima o poi di farmi subire 10 procedssi x uso personale.

  2. sergio /

    Il motivo per cui siamo fuori dall’europa e’ proprio questo:l’essere bigotti, fare apparire la maria x droga……purtroppo e’ un’affare di stato cosi’ come tutte le droghe per creare fondi neri e ripulire il denaro.Vi pongo una domanda:Sequestrano a Gioia Tauro 3000 tonnellate di coca, articoletto sul giornale (3000 tonnellate sono 18 container)nemmeno un morto e chiusa li.Prova a rubare 50 gr di coca al mercato nero e vedi quanti morti ci scappano……..e’ solo un affare di stato. Allo stato non conviene tutto qua……………………………..Manca la rivoluzione culturale in questa feccia di paese

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


cinque + = 13

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Policy

Cosa sono i cookies?

I cookies sono file di testo di piccole dimensioni che possono venire scambiati con il browser quando un utente visita un determinato sito internet. I cookies consentono a un sito di riconoscere un particolare dispositivo (computer, tablet, telefono cellulare o altro dispositivo mobile) o browser.

 

Quanti tipi di cookies esistono?

Esistono diversi tipi di cookie:

 

Come utilizza i cookies Canapamedica.it?

Canapamedica.it utilizza i cookies per rendere l’uso del sito più semplice e per meglio adattare l’esperienza di navigazione agli interessi ed ai bisogni di ogni singolo utente. I cookies possono venire usati per velocizzare le attività degli utenti su Canapamedica.it, come ad esempio l’accesso alla propria area riservata o la visualizzazione delle ultime pagine consultate. Inoltre i cookies possono essere utilizzati per compilare statistiche anonime aggregate che consentono di calcolare le visite al sito, per capire come gli utenti usano Canapamedica.it e per aiutarci a migliorarne la struttura, i contenuti e la navigabilità.
Attraverso i cookies non è comunque possibile identificare personalmente un utente di Canapamedica.it.

Canapamedica.it utilizza cookies di sessione, cookies permanenti e cookies di terze parti.
I cookies di sessione che scadono nel momento in cui viene chiuso il browser, vengono utilizzati principalmente per proporre all’utente gli ultimi annunci consultati.

I cookies permanenti servono per consentire all’utente di memorizzare i dati di accesso alla propria area riservata e non dovere effettuare il log-in ogni volta che si visita Canapamedica.it.

Alcuni cookies di terze parti sono utilizzati per calcolare le statistiche degli accessi e della navigazione su Canapamedica.it (ad esempio il numero dei visitatori giornalieri, il numero delle pagine viste, la durata di tali visite ecc…).
Tali cookies sono messi a disposizione e gestiti da Google Inc. tramite il servizio Google Analytics che utilizza dei cookies che vengono depositati sul computer dell’utente allo scopo di consentire a Canapamedica.it di analizzare come gli utenti navigano all’interno del sito.
Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo di Canapamedica.it da parte dell’utente verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo dei Sito Web da parte dell’utente, compilare report anonimi sulle attività dei visitatori all’interno di Canapamedica.it.

Facendo uso di Canapamedica.it, si acconsente al suo utilizzo dei cookies in conformità con la presente Cookie Policy.
Coloro che non volessero l’utilizzo dei cookies da parte di Canapamedica.it potranno cancellarli semplicemente andando nelle impostazioni privacy del proprio browser di navigazione e selezionando l’opzione di eliminazione dei cookies.

La scelta di disabilitare i cookie che impieghiamo, potrebbe influenzare l’esperienza dell’utente mentre si trova su Canapamedica.it e potrebbe limitare l’utilizzo di alcune funzionalità.

Chiudi