Benefici e vicissitudini di un farmaco alternativo

FM1: La seconda varietà di cannabis made in Italy.

FM1: La seconda varietà di cannabis made in Italy.

Set 25, 2018

Intervista al Colonnello Antonio Medica Direttore Stabilimento militare di Firenze

In Italia si coltiva cannabis terapeutica a Firenze nello Stabilimento militare. Due le varietà prodotte attualmente: la cannabis FM2 e la cannabis FM1. La messa in commercio di questa seconda varietà ci viene raccontata dal Direttore dello Stabilimento.

 

Buongiorno Colonnello Medica, quanti cicli di coltivazione avete messo in atto prima della commercializzazione del nuovo farmaco?

Nell’arco del 2017-2018, per arrivare a completare il dossier ai fini autorizzativi, abbiamo eseguito 3 cicli di convalida.

Quale titolazione ha il nuovo medicamento messo in commercio con il nome di FM1?

Confezione FM1 cannabis made in Italy

Questa varietà si chiama CIN-BOL (FM2 si chiama CIN-RO) ed era nata per dare circa il 19% di THC. Abbiamo però visto che il titolo che può essere garantito e standarizzato si attesta al 14%. In base alla posizione sulle piante infatti non tutte le infiorescenze hanno lo stesso contenuto di principio attivo: quelle apicali ne sviluppano un contenuto maggiore rispetto a quelle basali o a quelle interne.

La titolazione della cannabis

In seguito alla macinazione del primo farmaco da voi prodotto, l’FM2, molti pazienti si sono lamentati della perdita di qualità. L’FM1 è stato macinato per omogeneizzare il principio attivo?

Assolutamente si. É l’unico sistema per garantire sempre lo stesso principio. Se al contrario i fiori si lasciassero integri ognuno avrebbe un contenuto diverso e ciò implicherebbe un’ulteriore variabile al momento della prescrizione. Nonostante i timori dei pazienti in questa maniera possiamo garantire la qualità del principio attivo che resta all’interno del range per 12 mesi dal momento in cui viene confezionato.

Però se avete dovuto macinare per ottenere omogeneità di principio attivo significa che le piante in sé non fossero stabili?

Non è che non fossero stabili, ma ripeto, la massa vegetale è eterogenea e obbligatoriamente abbiamo dovuto procedere con questo protocollo per assicurare un prodotto omogeneo in tutti i lotti.

In principio l’idea era di procurare un medicamento corrispettivo del Bedrocan [Ndr.THC 20% : CBD ˂1%] di importazione olandese, il farmaco più richiesto, insomma. Con i risultati raggiunti invece avete preparato un altro tipo di medicamento più simile al Bedrobinol [Ndr. THC 13,5% : CBD ˂1] che quasi non ha mercato. Come è possibile?

Ne abbiamo già parlato con i farmacisti ed il discorso è di fare dei calcoli di aggiustamento.

In che senso?

Nel senso che l’unica differenza che c’è è il dosaggio. Quindi facendo l’esempio di un medico abituato a prescrivere cannabis al 20%, tipo Bedrocan, in questo caso se scegliesse l’FM1 ne dovrebbe prescrivere semplicemente il 30% in più.

Quanta cannabis FM1 è in vendita e la visita del Ministro della Salute Giulia Grillo

Quanti chili di Fm1 sono attualmente in commercio?

Abbiamo iniziato la distribuzione a metà luglio con un paio di chili e altri 4 kg sono già disponibili. In totale sono stati prodotti circa 7 kg.

Il progetto di produzione nazionale è cominciato nel marzo 2016. Da quel momento a parte il primo finanziamento di un milione di euro ricevuto dal Ministero della Difesa avete ricevuto altro denaro per sviluppare la produzione?

Concretamente stiamo per ricevere dal Ministero della Salute un complessivo di 2 milioni e 300 mila euro di prossima assegnazione che verranno utilizzati per il potenziamento della produzione: dovremmo arrivare ad una produttività di 300 kg annui fra FM1 ed FM2 comprendendo eventualmente anche altre varietà. Stimiamo di arrivare a 10/15 mila piante su base annuale.

Durante la visita di fine luglio il Ministro della Salute ha confermato tale finanziamento?

Non ne ho parlato con lei direttamente, ma il suo staff lo ha dato per confermato come appurato e definito.

La seconda varietà prodotta, la cannabis FM2 esaurita durante l’estate.

Da fine maggio a fine luglio ci risulta mancanza in commercio di FM2. Conferma? Per quale motivo?

Si confermo, non però a causa di una carenza da parte nostra, ma per un aumento spropositato delle richieste.

Perché nonostante sia venuta a mancare continuità di fornitura dell’FM2 avete deciso di produrre un secondo farmaco potendovi avvalere solamente delle medesime strutture?

Perché i dati storici non sono sufficientemente robusti per fare una pianificazione corretta. In pratica siamo ancora in attesa che le Regioni ci forniscano una pianificazione annuale per capire come meglio sfruttare le serre, per adesso quindi andiamo avanti con lo storico dei consumi, ma il meccanismo non è stato ancora completamente definito e non tutte le Regioni ci hanno comunicato i dati.

Dopo la visita del Ministro Grillo cosa vi auspicate per il futuro?

Non ci poniamo limiti né vincoli e cerchiamo di dare risposte le più aderenti possibili alle necessità. L’intenzione è di aumentare le risorse umane anche perché le piante non conoscono né sabato né domenica e nonostante l’automazione abbiamo bisogno di forze nuove. Credo che avremo bisogno di non meno di 10/12 persone da far lavorare per snellire e automatizzare le procedure ed anche per distribuire la PEDANIOS.

Quanto resta di quanto importato da questo nuovo fornitore canadese?

Praticamente è esaurito e l’idea è di uscire con un’altra gara pubblica. Per ora la copertura è garantita dal contratto in essere, mentre il prossimo quantitativo è oggetto di valutazione.

Al momento ci risultano 3 serre operative: due con HPS da 27 m² ciascuna ed una a LED da 18m², conferma?

Esatto.

Confezione FM1 cannabis made in Italy

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due + = 9

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Policy

Cosa sono i cookies?

I cookies sono file di testo di piccole dimensioni che possono venire scambiati con il browser quando un utente visita un determinato sito internet. I cookies consentono a un sito di riconoscere un particolare dispositivo (computer, tablet, telefono cellulare o altro dispositivo mobile) o browser.

 

Quanti tipi di cookies esistono?

Esistono diversi tipi di cookie:

 

Come utilizza i cookies Canapamedica.it?

Canapamedica.it utilizza i cookies per rendere l’uso del sito più semplice e per meglio adattare l’esperienza di navigazione agli interessi ed ai bisogni di ogni singolo utente. I cookies possono venire usati per velocizzare le attività degli utenti su Canapamedica.it, come ad esempio l’accesso alla propria area riservata o la visualizzazione delle ultime pagine consultate. Inoltre i cookies possono essere utilizzati per compilare statistiche anonime aggregate che consentono di calcolare le visite al sito, per capire come gli utenti usano Canapamedica.it e per aiutarci a migliorarne la struttura, i contenuti e la navigabilità.
Attraverso i cookies non è comunque possibile identificare personalmente un utente di Canapamedica.it.

Canapamedica.it utilizza cookies di sessione, cookies permanenti e cookies di terze parti.
I cookies di sessione che scadono nel momento in cui viene chiuso il browser, vengono utilizzati principalmente per proporre all’utente gli ultimi annunci consultati.

I cookies permanenti servono per consentire all’utente di memorizzare i dati di accesso alla propria area riservata e non dovere effettuare il log-in ogni volta che si visita Canapamedica.it.

Alcuni cookies di terze parti sono utilizzati per calcolare le statistiche degli accessi e della navigazione su Canapamedica.it (ad esempio il numero dei visitatori giornalieri, il numero delle pagine viste, la durata di tali visite ecc…).
Tali cookies sono messi a disposizione e gestiti da Google Inc. tramite il servizio Google Analytics che utilizza dei cookies che vengono depositati sul computer dell’utente allo scopo di consentire a Canapamedica.it di analizzare come gli utenti navigano all’interno del sito.
Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo di Canapamedica.it da parte dell’utente verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo dei Sito Web da parte dell’utente, compilare report anonimi sulle attività dei visitatori all’interno di Canapamedica.it.

Facendo uso di Canapamedica.it, si acconsente al suo utilizzo dei cookies in conformità con la presente Cookie Policy.
Coloro che non volessero l’utilizzo dei cookies da parte di Canapamedica.it potranno cancellarli semplicemente andando nelle impostazioni privacy del proprio browser di navigazione e selezionando l’opzione di eliminazione dei cookies.

La scelta di disabilitare i cookie che impieghiamo, potrebbe influenzare l’esperienza dell’utente mentre si trova su Canapamedica.it e potrebbe limitare l’utilizzo di alcune funzionalità.

Chiudi