Benefici e vicissitudini di un farmaco alternativo

Giuseppe Zumbo, detto Pino.

Giuseppe Zumbo, detto Pino, ha 51 anni è una storia pluri-patologica alla spalle:
Sono ricoverato da 6 mesi al reparto malattie infettive dell’ospedale S.Martino di Genova. Sono sieropositivo dal 1984 in seguito ad una siringa infetta con la quale mi bucai durante un periodo di detenzione. Durante un mio viaggio all’estero, agli inizi dello scorso anno, essendo le mie difese immunitarie molto deboli, ho contratto il virus JCV al cervello. Il virus è rimasto latente per mesi sino a manifestarsi lo scorso maggio. Da quel periodo, essendo senza fissa dimora, sono ricoverato al S. Martino. Soffro di dolore neuropatico agli arti inferiori e superiori, di osteoporosi, di cachessia, ho un bypass all’arteria femorale e ho l’ernia iatale da 14 anni. La mia vita quotidiana era scandita da numerosi attacchi di vomito (sino a 15 attacchi al giorno) e da elevata difficoltà motoria. Sotto prescrizione del mio medico curante sono 5 anni che sono in terapia con il Bedrocan, infiorescenza di canapa prodotta dal Ministero della Salute olandese. Da quando ho cominciato ad assumere cannabis gli attacchi di vomito si sono ridotti di due terzi, addirittura ricordo la sensazione che provai la prima volta che assunsi il farmaco: un calore che si propagava nello stomaco e che rilassava i muscoli, mentre prima sentivo un costante pugno nello stomaco. La canapa mi ha rimesso in piedi, perché mi rilassa i muscoli, mi aiuta ad avere appetito e nell’umore: è un farmaco regolare e legale al quale ho pienamente diritto. Esiste un decreto legge del 2007 firmato dall’allora Ministro della Salute Livia Turco che ne permette l’importazione e la recente norma regionale approvata in Liguria dovrebbe semplificare l’accesso al farmaco. Invece succede tutto il contrario. Qui in ospedale ad esempio sono sotto dosaggio. La mia dose giornaliera sarebbe di 1 grammo al giorno, ma pare che la farmacia ospedaliera non abbia fatto l’ordine in maniera congrua tanto che mi devo far bastare la metà della dose, in attesa che arrivi in farmacia il prossimo ordine dall’estero. Al momento, pur avendo tutti i requisiti, non sono riusciti a sistemarmi in una casa popolare, io ne avrei bisogno di una al piano terra, essendo handicappato, né tantomeno in una casa alloggio della città, perché sembra che in queste strutture non sia ben accetta la terapia che seguo e che mi aiuta a vivere con dignità. Non capisco come una terapia farmacologia possa essere considerata scomoda dal punto di vista ideologico, tanto che il primario del reparto, Dr. Claudio Viscoli (attuale Vice presidente di ANLAIDS Liguria) mi ha minacciato di riunire una commissione di esperti per farmela interrompere e senza prospettarmi nemmeno come crede sostituirla. Io non voglio assolutamente accettare di venire bombardato di psicofarmaci, morfina o altro perché voglio essere lucido e a giugno dovrò riprendere la mia attività lavorativa all’interno delle carceri. Sono infatti attivista di NPS onlus (Network persone sieropositive) un’associazione che si occupa di persone malate di HIV e in particolare mi occupo della bassa soglia, cioé detenuti, senza fissa dimora ed extracomunitari, in collaborazione con il Ministero di Grazie e Giustizia, con il Ministero della Salute e con il DAP e il SIMSPE, la società scientifica del sistema penitenziario. Ovviamente il mio medico curante è contrario all’interruzione della terapia con la canapa perché è evidente che io stia bene: non vomito più, dormo bene, la qualità della mia vita è migliorata, ma adesso ho paura che se rifiuti la terapia alternativa propostami dalla commissione di esperti, mi dimetteranno e a breve sarò per strada. La mia battaglia vuol dimostrare che la canapa non è una droga, ma un farmaco del quale ho terribilmente bisogno e come me tante persone che non ne hanno accesso pur avendone pieno diritto e alle quali i medici preferiscono somministrare metadone, morfina e psicofarmaci.

  • Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 7 = quindici

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Policy

Cosa sono i cookies?

I cookies sono file di testo di piccole dimensioni che possono venire scambiati con il browser quando un utente visita un determinato sito internet. I cookies consentono a un sito di riconoscere un particolare dispositivo (computer, tablet, telefono cellulare o altro dispositivo mobile) o browser.

 

Quanti tipi di cookies esistono?

Esistono diversi tipi di cookie:

 

Come utilizza i cookies Canapamedica.it?

Canapamedica.it utilizza i cookies per rendere l’uso del sito più semplice e per meglio adattare l’esperienza di navigazione agli interessi ed ai bisogni di ogni singolo utente. I cookies possono venire usati per velocizzare le attività degli utenti su Canapamedica.it, come ad esempio l’accesso alla propria area riservata o la visualizzazione delle ultime pagine consultate. Inoltre i cookies possono essere utilizzati per compilare statistiche anonime aggregate che consentono di calcolare le visite al sito, per capire come gli utenti usano Canapamedica.it e per aiutarci a migliorarne la struttura, i contenuti e la navigabilità.
Attraverso i cookies non è comunque possibile identificare personalmente un utente di Canapamedica.it.

Canapamedica.it utilizza cookies di sessione, cookies permanenti e cookies di terze parti.
I cookies di sessione che scadono nel momento in cui viene chiuso il browser, vengono utilizzati principalmente per proporre all’utente gli ultimi annunci consultati.

I cookies permanenti servono per consentire all’utente di memorizzare i dati di accesso alla propria area riservata e non dovere effettuare il log-in ogni volta che si visita Canapamedica.it.

Alcuni cookies di terze parti sono utilizzati per calcolare le statistiche degli accessi e della navigazione su Canapamedica.it (ad esempio il numero dei visitatori giornalieri, il numero delle pagine viste, la durata di tali visite ecc…).
Tali cookies sono messi a disposizione e gestiti da Google Inc. tramite il servizio Google Analytics che utilizza dei cookies che vengono depositati sul computer dell’utente allo scopo di consentire a Canapamedica.it di analizzare come gli utenti navigano all’interno del sito.
Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo di Canapamedica.it da parte dell’utente verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo dei Sito Web da parte dell’utente, compilare report anonimi sulle attività dei visitatori all’interno di Canapamedica.it.

Facendo uso di Canapamedica.it, si acconsente al suo utilizzo dei cookies in conformità con la presente Cookie Policy.
Coloro che non volessero l’utilizzo dei cookies da parte di Canapamedica.it potranno cancellarli semplicemente andando nelle impostazioni privacy del proprio browser di navigazione e selezionando l’opzione di eliminazione dei cookies.

La scelta di disabilitare i cookie che impieghiamo, potrebbe influenzare l’esperienza dell’utente mentre si trova su Canapamedica.it e potrebbe limitare l’utilizzo di alcune funzionalità.

Chiudi